Di fronte all’emergenza sanitaria, è stata subito evidente l’esigenza di sostenere le imprese italiane affinché possano superare questi mesi difficili; il Governo ha varato numerose misure volte a salvaguardare il lavoro e supportare le organizzazioni durante la crisi economica generata dal covid-19.

Obiettivi principali di questi interventi sono:

  • Proteggere i posti di lavoro
  • Sostenere i redditi di famiglie e lavoratori
  • Garantire liquidità alle casse delle imprese

Sostegno alle imprese: gli interventi del Governo

La prima manovra varata è stata l’estensione della CIG anche alle piccole e piccolissime aziende, incentivandone l’attivazione su tutto il territorio nazionale.

Possono usufruire della CIG le imprese che ne fanno domanda entro la fine del quarto mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione, per i periodi decorrenti dal 23 febbraio al 31 agosto 2020 e per una durata massima di 9 settimane, indicando la causale Covid-19.

Sono stati potenziati anche altri strumenti di sostegno al reddito: CIGO, CIGS ed assegni ordinari di categoria (FIS e FSBA).

Contestualmente, è stato disposto il divieto di licenziamenti collettivi e individuali per giustificato motivo oggettivo (quello economico), a prescindere dal numero dei dipendenti, per tutto il periodo dal 17 marzo al 16 maggio 2020; da intendersi sospese le procedure collettive avviate dopo il 23 febbraio.

Nell’ottica di garantire continuità alla produzione, ma evitando qualsiasi rischio per la salute dei dipendenti, è stato liberalizzato l’utilizzo del lavoro agile per tutti quei lavoratori le cui modalità di esecuzione della prestazione lo consentono: nessun limite quantitativo, sostituzione dell’accordo individuale con il lavoratore con un’informativa ed autocertificazione. Sempre a garanzia della sicurezza individuale, sono stati estesi i permessi per i lavoratori dipendenti che godono della L. 104/92.

Un ulteriore intervento a favore delle aziende è quello della sospensione dei tributi INAIL e INPS; in primis per quelle organizzazioni situate nelle aree del nord Italia maggiormente colpite dall’epidemia, poi per quelle con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nel territorio dello Stato.

L’impatto sulla funzione HR aziendale

Per chi si occupa di risorse umane in azienda, è un periodo particolarmente intenso: alle attività quotidiane si aggiunge in questa fase, la gestione ed organizzazione del lavoro in una situazione di emergenza, nonché l’implementazione delle misure che abbiamo elencato. Tutto ciò a distanza, senza la possibilità di incontrarsi tra membri del team e con i dipendenti che affrontano una situazione completamente nuova e sommergono l’ufficio del personale con i loro dubbi e le loro richieste.

Gestire tutto questo senza un supporto tecnologico diventa impossibile e non consente uno scambio di dati ed informazioni fluido ed efficace che si possa svolgere nel rispetto delle normative sulla gestione dei dati confidenziali e sensibili.

Un buon software HR si rivela quindi uno strumento indispensabile per velocizzare e ottimizzare i processi di gestione del personale, in particolare in questo contesto.

Come può aiutare un software HR?

La possibilità di identificare facilmente chi ha i requisiti per la CIG o i dipendenti che possono usufruire dei congedi previsti dalle misure attraverso un sistema gestionale HR,  permette all’HR Manager di risparmiare tempo e denaro.

Allo stesso modo un software Cloud per la gestione risorse umane semplifica il processo di gestione ed approvazione di ferie, permessi e malattie, particolarmente oneroso in questo periodo. Di pari passo consente di pianificare al meglio le risorse presenti in azienda. È possibile anche avere report specifici per seguire l’andamento delle assenze dovute alle varie causali e predisporre i rendiconti necessari per i diversi Enti.

Tutta la documentazione relativa ai dipendenti viene archiviata online in uno spazio sicuro ed a norma, ma sempre accessibile a chi ne abbia i permessi, indipendentemente dalla presenza fisica nella sede aziendale. Tutto questo non è possibile se si mantiene un’obsoleta gestione cartacea della documentazione.

La crisi economica dovuta alla pandemia da Covid-19 sta già influenzando significativamente l’organizzazione del lavoro tradizionale, spingendo molte aziende a adottare strumenti e modalità digitali di gestione del personale.

Piattaforme digitali HR come Wospee propongono, oltre al software, una metodologia di lavoro, processi digitalizzati e consulenza specifica in base alle necessità del cliente per poter avere un partner in grado di offrire un supporto costante in questo momento di particolare difficoltà.

Articoli recenti