Come mantenere motivati i dipendenti quando ci sono pochi soldi è un problema che, in un clima di crisi economica generalizzata come quello attuale, è in cima ai pensieri di ogni HR manager. Durante un periodo recessivo, in particolare quando questo è dovuto ad una emergenza planetaria, ci si aspetta che i dipendenti, in tutto il mondo, lavorino più duramente che mai e che non chiedano incrementi salariali, bonus o benefit aggiuntivi. Qualche modesto aumento per pochi dipendenti è previsto anche negli anni peggiori, ma la maggior parte del personale vedrà la propria retribuzione congelata (o a volte anche ridotta) per tutto il periodo della crisi.

Ogni periodo di crisi economica mette i datori di lavoro davanti ad un dilemma. Da un lato, devono rimanere prudenti e con le cinture ben allacciate se vogliono garantire il futuro della loro attività. Ma allo stesso tempo, devono assicurarsi di trattenere e mantenere coinvolte le persone di maggior talento, quelle che aiuteranno il business ad uscire dal momento difficile e tornare finalmente a crescere e prosperare. Gli HR manager sanno bene che, anche quando tutti gli indicatori finanziari sono in calo, le persone hanno comunque bisogno di essere motivate e ricompensate se si vogliono raggiungere gli obiettivi prefissati, ed anche di più quando siamo in un momento congiunturale difficile.

Quindi, cosa può fare il management per mantenere le persone motivate quando non può premiare i loro sforzi mettendo denaro in tasca? 

L’esperienza porta a dire che erogare aumenti e bonus aiuta molto, ma non è necessariamente l’unico modo per trattenere e motivare le persone durante un momento complicato come quello che stiamo vivendo. Ci sono altri modi più sottili (e meno costosi) per mantenere le persone focalizzate sulle attività e farle sentire importanti per gli sforzi che stanno facendo in un momento di difficoltà aziendale.

Complimenti ed incoraggiamenti regolari, per esempio, sono uno strumento motivazionale generalmente molto sottoutilizzato. Naturalmente le persone non gradiscono che l’unica ricompensa siano “sorrisi e pacche sulle spalle”, ma apprezzano che i manager parlino con loro, con chi sta lavorando davvero duramente o con coloro a cui è stato dato un compito particolarmente impegnativo, per capire come stanno andando avanti le attività, chiedere se c’è qualcosa che possono fare per aiutarli. A volte, solo il semplice atto di fermarsi a parlare davanti ad un caffè può rassicurare e incoraggiare le persone, farle sentire maggiormente coinvolte nel progetto funzionale a uscire dalla crisi. Si tratta di una parte semplice, quotidiana di una buona gestione delle risorse umane che tende a essere spesso trascurata – perché i manager sono così impegnati a trattare con le proprie priorità che dimenticano la necessità di dare feedback continui, di rassicurare e lodare i loro team. Solo ottimizzando la gestione delle incombenze amministrative quotidiane possiamo liberare tempo da dedicare alla crescita ed alla motivazione delle persone; per farlo è necessario dotarsi di strumenti funzionali a ridurre sprechi di tempo ed errori nella gestione dei dati dei dipendenti. I software per la gestione HR vengono in nostro soccorso in questo senso, mettendoci a disposizione una piattaforma Cloud centralizzata dove tutti gli attori coinvolti possono reperire le informazioni necessarie in real-time, con la certezza che queste siano aggiornate e gestite in sicurezza. Liberare tempo e risorse consentirà ad HR e management di concentrarsi più proficuamente sulle persone.

Piccoli gesti possono essere a volte anche molto apprezzati. Un buono acquisto per una spesa online o per una attività di tempo libero, un mazzo di fiori (o un oggetto tech appena uscito), consegnato alla fine di un progetto di successo, può dare alle persone una spinta motivazionale a continuare a lavorare sodo, anche nei momenti difficili. Il valore nominale può essere piccolo, ma il gesto sarà apprezzato e farà vedere al destinatario il proprio manager (e quindi l’azienda nel suo complesso) sotto una luce positiva.

Renderli unici e personali è la chiave. Non va bene regalare a qualcuno una bottiglia di vino se non beve alcolici o una torta alla crema quando è a dieta. Prendersi la briga di scoprire ciò che le persone apprezzerebbero davvero è un ottimo modo per costruire relazioni con il tuo team e far sentire le persone uniche e non uno dei tanti per il business.

Anche l’opportunità di imparare e sviluppare nuove conoscenze e competenze è un ottimo modo per mantenere le persone ingaggiate nel business. In un momento in cui i budget di formazione sono limitati, i dipendenti apprezzano solitamente molto l’opportunità di acquisire nuove competenze. Se non possiamo mandare il personale a programmi di formazione costosi, lasciamo che partecipino ad un nuovo progetto o forniamo loro l’opportunità di affiancare un collega senior in una nuova attività.

Diamo ai dipendenti la possibilità di partecipare a iniziative e progetti aziendali diversi da quelli a cui normalmente partecipano per il loro ambito lavorativo, questo consentirà loro di apprendere cose nuove del business e potrà essere prezioso per l’azienda ed apprezzato dal dipendente quanto una ricompensa in denaro.

Articoli recenti