La data del 15 Ottobre è ormai vicina, giorno a partire dal quale a tutti i lavoratori sarà richiesto il possesso del Green Pass per accedere ai luoghi di lavoro. La situazione è in divenire, si attendono ulteriori chiarimenti in merito alle modalità di verifica del possesso del GP.

Riassumiamo quanto sappiamo fino ad ora e cosa è richiesto a ciascun datore di lavoro per agire a norma di legge.

Il possesso del Green Pass è richiesto a tutti i lavoratori del settore privato; con ciò si intendono i lavoratori dipendenti e chiunque a qualsiasi titolo acceda al luogo di lavoro per attività lavorativa, di formazione, di volontariato, sia lavoratore autonomo o collaboratore non dipendente.

Gli unici esentati dall’obbligo di possesso del GP sono coloro che risultino esenti dalla campagna vaccinale e che presentino relativa certificazione medica.

Come devono avvenire i controlli in azienda?

Il controllo del Green Pass deve svolgersi secondo le modalità indicate dal DPCM del 17 giugno 2021; ad oggi la modalità di verifica indicata è mediante la scansione del QR code tramite la App “VerificaC19”.

Il controllo deve limitarsi a verificare che il Green Pass risulti autentico e valido, senza prevedere alcun tipo di accesso ad informazioni quali scadenza o durata del GP, se il possesso è dato da vaccinazione, tampone nelle ultime 48 ore o recente guarigione da Covid-19. Ne consegue che il datore di lavoro non può in nessun caso richiedere copia delle certificazioni a chi accede in azienda.

È necessario che ciascun’organizzazione designi formalmente un soggetto, dipendente della stessa, deputato ai controlli; questi potranno avvenire anche a campione, normalmente in prossimità degli accessi al luogo di lavoro.

Qualora l’azienda volesse integrare il controllo del Green Pass con i sistemi in uso di controllo accessi e/o rilevazione presenze, è necessario assicurare che questi non registrino in alcun modo, anche solo temporaneamente, i dati relativi alla certificazione.

Cosa è previsto in caso di mancato rispetto della normativa?

Chiunque risulti sprovvisto di Green Pass non potrà accedere ai luoghi di lavoro e verrà considerato quindi assente senza diritto alla retribuzione fino alla presentazione di GP valido. In ogni caso non sono previste conseguenze disciplinari ed il posto di lavoro viene mantenuto.

I consulenti di Wospee sono a disposizione dei clienti per approfondire il tema e studiare la soluzione migliore per la loro realtà aziendale.

Articoli recenti